Caro diario, …

escribir curiosità, aneddoti, riflessioni:
storie di vita “in coro” raccontate dai protagonisti

 

 

 


LA BOTTEGA DI ANGELO  di Armando Bonaldi

A volte mi capita con le figlie o gli amici di parlare del Coro, dello spirito di quell’epoca, del legame che ci univa: l’amicizia, il profondo respiro di sollievo dopo la guerra, la fame, tanta, e i pochi soldi, l’amore per la montagna, la passione per il canto. Si, tutto questo va bene, ma c’era qualche cosa di più, molto di più, che tento di spiegare. Ma no ci riesco …continua a leggere


LE PRIME GITE DEL DOPOGUERRA  di Alberto Nicoletto

Le prime gite del dopoguerra: vecchi tascapani di soldati, scarponi chiodati rimediati chissà dove, larghe braghe alla zuava spesso rattoppate. Partivamo con il trenino o la corriera, …continua a leggere


MISTICI ANNI SESSANTA  di Piero Zamboni

Se ripenso ai miei esordi nel Coro Scaligero dell’Alpe, confesso che esso mi sembrò allora una sorta di irrequieta compagine itinerante. Erano anni senza una sede stabile i primi anni sessanta. Il luogo delle prove variava con grande frequenza …continua a leggere


OMAGGIO AL MAESTRO PIERO ZAMBONI  di Luciano Raineri

Non ha ancora compiuto sedici anni Piero Zamboni, quando, giovane studente del Liceo Scientifico Messedaglia, conclude il breve periodo di prova come “auditore” ed entra a far parte del Coro Scaligero dell’Alpe …continua a leggere